Il 13 maggio si festeggiano tutte le mamme

Domenica 13 maggio ricorre l’annuale festa della mamma. Un mese che non è scelto a caso, infatti, per la chiesa è il mese dedicato alla Madonna. Ma la festa affonda le proprie radici prima del cristianesimo: alcuni studiosi legherebbero la nascita alla Grande Madre, una divinità che dal neolitico ai primi cristiani era nota per portare la vita. Nell’arco della storia, dai greci ai romani, le feste erano legate a divinità come la madre terra: le feste erano legate alla vita contadina e al mese del raccolto, maggio.

La festa in epoca contemporanea

La festa della mamma come la intendiamo oggi trova la propria origine nelle lotte della femminista Anna Jarvis che, il 10 maggio 1908, ideò una grande festa in memoria della propria madre e di tutte le madri americane. Organizzare di corsi per promuovere la lotta alle malattie infantili e migliorare le condizioni igieniche nel corso del parto erano tra gli obiettivi della festa ideata dalla Jarvis.

Ma solo con il presidente statunitense Woodrow Wilson la festa prese un carattere ufficiale: il leader del mondo libero proclamò la nascita il 9 maggio 1914, istituendo la ricorrenza ogni seconda domenica del mese di maggio.

La festa in Italia

Dopo un debutto propagandistico nel 1933, la festa arriva in Italia solo negli anni Cinquanta: grazie al senatore e sindaco di Bordighera Raul Zaccari e al sacerdote di Assisi don Otello Migliosi dalla seconda metà degli anni ’50 l’appuntamento è tra i più vissuti dell’anno.

Fino all’inizio del nuovo millennio la festa cadeva l’8 maggio, poi la data è allineata alla maggioranza delle altre nazioni, cioè la seconda domenica del mese di maggio.

Cosa regalare

La festa è nata per celebrare lotte e miglioramenti della condizione umana, ma chi volesse celebrare la propria madre con un piccolo dono può optare per diverse idee: dai fiori ai dolci, dai pacchetti relax ai gioielli, un pensiero è il modo per dire “Auguri Mamma!”.

Un libro potrebbe essere una buona idea: da “Storie della buonanotte per bambine ribelli 2” di Elena Favilli e Francesca Cavallo capace di ispirare le mamme e, magari può diventare un momento di condivisione tra madri e figlie.

Un altro modo per condividere i ricordi? Una piccola stampante per le foto fatte con lo smartphone: sugli store on line ne esistono di diversi modelli.

Un regalo dal sapore vintage è il kit per sferruzzare: nelle mercerie e on line si trovano gomitoli, ferri e uncinetti.

La mamma fa tutto in casa? Un trapano avvitatore può essere una buona idea, come un kit per il giardinaggio o una pistola per la colla a caldo nel caso realizzi piccoli lavori manuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *