Centri sportivi “aperti” a porte chiuse per gli agonisti

Oggi, 4 Marzo, a Segrate in Municipio c’è necessità di chiarezza.

<<Il sindaco di Segrate Paolo Micheli e 80 sindaci della Città Metropolitana di Milano hanno sottoscritto e inviato questa mattina al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte una lettera, chiedendo chiarezza in merito all’apertura dei centri sportivi per gli agonisti, seppur a porte chiuse, e invitando il Governo a riconsiderare questo provvedimento.

“Con i sindaci della Città Metropolitana di Milano abbiamo inviato questa mattina una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, chiedendo chiarimenti in merito al Decreto del Governo sull’apertura o meno dei centri sportivi a porte chiuse agli atleti agonisti. Il testo della lettera lo trovate qui sotto, è una richiesta di chi si trova in prima linea ad affrontare l’emergenza Covid-19 a fare ulteriore chiarezza e a riconsiderare questo provvedimento che in questo momento appare non in linea con le altre giuste misure adottate. Permettetemi un’ulteriore considerazione personale e un invito al senso di responsabilità rivolto ai presidenti e ai dirigenti della associazioni e delle società sportive del territorio. Il Decreto consente gli allenamenti a porte chiuse in vista delle prossime partite, dunque nessuno può vietarlo, sindaci compresi. In questi giorni però serve consapevolezza, serietà e senso di appartenenza a una comunità. Bene hanno fatto diverse Federazioni sportive a sospendere le gare, benissimo ha fatto il CSI Milano che ha sospeso le partite e anche gli allenamenti. Bene farebbero anche le singole società sportive a prendere decisioni ponderate, per evitare ulteriormente possibilità di diffusione della malattia”.    Queste sono le dichiarazioni del sindaco Paolo Micheli.>>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *